Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.

accetto non accetto maggiori informazioni

gea casolaro - una molteplice realtà

Il MACA – museo di arte contemporanea dell’accademia di Frosinone presenta al pubblico l’esposizione
UNA MOLTEPLICE REALTÀ, un’ampia ricognizione dell’opera fotografica di Gea Casolaro. In
contemporanea con la personale negli spazi di The Gallery Apart a Roma, dove la mostra “Molto visibile,
troppo invisibile” raccoglie l’ultima produzione dell’artista, e all’indomani del focus che il MAXXI – Museo
nazionale delle arti del XXI secolo ha dedicato alla produzione video dell’artista nello scorso mese di
ottobre, l’Accademia di Belle Arti di Frosinone intende offrire le giuste chiavi di lettura al corpo di opere
fotografiche per le quali l’artista romana è più conosciuta internazionalmente.

Spesso alla ricerca di dettagli apparentemente irrilevanti ma tali da disvelare le infinite microstorie che
caratterizzano il quotidiano, le fotografie di Casolaro ritraggono per lo più paesaggi urbani, in cui la figura
umana, anche se non è mai assoluta protagonista, è quasi sempre presente. L’artista lavora raramente
con opere singole, ma predilige serie tematiche e sequenze all’interno della singola opera, con cui mira a
dimostrare la necessaria rimessa in discussione del punto di vista soggettivo, a favore di una visione
collettiva che rende più ampia e complessa la realtà. Una molteplicità di punti di vista che, rendendo unico
ogni individuo, ha spinto Casolaro a scegliere di realizzare sempre e soltanto opere uniche, sebbene il
mezzo fotografico abbia invece introdotto nella storia dell’arte i concetti di riproducibilità e di serialità.
Il percorso della mostra comprende serie fotografiche realizzate in un arco temporale molto vasto, a
partire da At the same time dans le même paysage (1997) e Human Landscapes (1997) in cui Casolaro
avvia un lavorio di dislocamento di senso tra realtà e immagine, provocando una sorta di smottamento
percettivo attraverso il quale instillare un dubbio sottile e insinuante nelle nostre certezze. L’inserimento
di immagini l’una nell’altra, il loro affiancamento, la loro sovrapposizione creano visioni molteplici
utilizzate dall’artista per lanciare connessioni di senso e per negare presunte superiorità valoriali su
aprioristiche e fideistiche verità assolute. Ecco allora le serie Visioni dell’Eur (2002-2006), Permanente
presenza (2007), Still here (2009-2013), Forever Montecarlo (2013) e Sharing gazes (2013-2017), dove Gea
unisce sapientemente immagini tratte da fotografie familiari, frames da film, fotografie da archivi e foto
scattate personalmente dall’artista o condivise con altri fotografi. Ne emergono interpretazioni di luoghi,
storie vissute, icone cinematografiche e persone anonime che, unite in punti di contatto fisico, danno vita
a nuovi universi di senso. La non oggettività dell’immagine tocca il suo apice con la serie South (2008-
2009), con cui Casolaro chiede allo spettatore di abbandonare i propri schemi visivi, e quindi valoriali, per
percepire in modo differente e più ampio la realtà del mondo circostante.
Nella sala teatro dell’Accademia sarà possibile seguire una lunga intervista video a Gea Casolaro che
permetterà ai visitatori di entrare ancora più in profondità nella conoscenza dell’opera e della visione del
mondo dell’artista.

la ricerca per {{q}} non ha prodotto nessun risultato